Materiale antiurto per imballaggio

In questo articolo noi di Fada vogliamo soffermarci ancora sull’argomento protezione e nello specifico andremo a trattare i materiali anti urto per imballaggi. Quindi, se l’argomento ti interessa, rimani su questo articolo.

Prima di iniziare però, vogliamo dirti che noi di Fada dal 1997, siamo specializzati nella fornitura di soluzioni personalizzate per ogni tipo di imballaggio, dai films estensibili ai nastri adesivi.

Quando si parla di imballaggi antiurto si fa riferimento a tutti quei materiali e prodotti specifici, pensati per l’imballaggio industriale e quindi studiati appositamente per garantire la massima sicurezza durante il trasporto degli oggetti fragili e delicati.

Imballaggi anti urto: ecco quali scegliere

  • Polistirolo: può essere a lastra, e usato come strato intermediario tra un piano e l’altro, oppure con profili angolari e sagomati, adatti a proteggere spigoli e pezzi particolarmente delicati;
  • Pluriball polietilene: può essere di varie tipologie: a busta, a fogli, rigenerato al 100% ecc. Va scelto a seconda le necessità di utilizzo;
  • Lastre ammortizzanti: Ideale per proteggere, bloccare, separare i prodotti imballati durante la fase di trasporto e stoccaggio; inoltre le lastre sono anti urto e fonoassorbenti;
  • Agglomerati: si tratta di un prodotto ottenuto dalle lavorazioni del poliuretano espanso; spesso vengono usati per gli imballaggi in generale, come isolante termico e acustico nelle pareti divisorie di pavimenti e soffitti;
  • Foam polietilene espanso: per la sua leggerezza e resistenza si presta a soddisfare tutte le esigenze di imballo, proteggendo da urti ripetuti, umidità e sbalzi di temperatura;
  • Patatine espanse: si tratta di un materiale da riempimento e protezione, leggero ed economico, che è in grado di garantire un alto coefficiente di attutimento;
  • Airbag ferma carico: gli airbag sono inseriti negli spazi vuoti presenti nelle merci e gonfiati con aria compressa, riempendo così tali spazi;
  • Cuscini d’aria: in questo caso specifico i cuscini d’aria vengono prodotti direttamente nella stazione di imballo della vostra azienda per risparmiare spazio prezioso in magazzino;
  • Profili in anti urto espanso: studiati per proteggere i bordi, si montano facilmente e si reggono da soli; sono ideali per ripiani, tops, tavoli, marmi e molto altro.

Con i materiali antiurto per imballaggio proteggi al meglio i prodotti con la soluzione da imballo più adatta; hai bisogno di informazioni? Allora non esitare a contattarci per scoprire le soluzioni d’imballaggio più adatte alle tue esigenze e per ricevere consigli personalizzati sui materiali e le tecniche più idonee per proteggere i tuoi oggetti

Imballaggi industriali cartone: quale soluzione scegliere

Ti sei mai chiesto quale soluzione scegliere tra gli imballaggi industriali in cartone? Qualsiasi sia la tua risposta, noi di Fada te ne vogliamo parlare in questo articolo! Quindi, ti auguriamo buona lettura!

Devi sapere che gli imballaggi industriali in cartone vengono scelti spesso nelle spedizioni perché sono leggeri, multiuso, riutilizzabili e facilmente riciclabili, ma ne esistono di diverse tipologie, quindi quale soluzione scegliere?

Ecco 3 vantaggi degli imballaggi industriali in cartone

La leggerezza di questo materiale da imballo è un vantaggio molto interessante, in quanto non va ad aumentare il peso complessivo del prodotto, evitando così che i costi di spedizione si alzino troppo.

La resistenza e la leggerezza rendono questo materiale multiuso e quindi conveniente per tutte le aziende che lo scelgono.

Infine una caratteristica che sta diventando sempre più importante nell’ultimo periodo è la sostenibilità: gli imballaggi in cartone, infatti, sono facilmente riutilizzabili e riciclabili (le nostre bobine in cartone ondulato per esempio sono realizzate da carta 100% riciclata).

Ecco le differenti tipologie degli imballaggi in cartone

Esistono 5 diverse tipologie di imballaggi in cartone:

  • Cartone ondulato, caratterizzato da grande robustezza: non si strappa e ammortizza le vibrazioni; viene utilizzato anche per l’imballaggio di prodotti, per proteggere ampie superfici, oltre che per la produzione di scatole;
  • Profili in cartone, estremamente resistenti e facile da lavorare, utili per rinforzare gli angoli e i profili dei prodotti che sono esposti più facilmente a urti e danneggiamenti;
  • Fogli in cartone, ideali come separatori e copertura per bancali oppure come protezione laterale e dei bordi durante il trasporto;
  • Scatole in cartone, estremamente pratiche ed economiche, possono essere più o meno resistenti agli urti e personalizzate per contenere anche abiti;
  • Paper one, carta per imballo da riempimento e protezione; un sistema, pratico, veloce ed ecologico per proteggere i propri prodotti da urti e graffi durante il trasporto, lo stoccaggio e la movimentazione di scatole e imballi.

Vuoi scoprire di più sui nostri imballaggi in cartone? Visita il nostro sito: troverai maggiori informazioni e se lo desideri potrai richiedere campionature gratuite del prodotto da imballo che ti interessa.

Hai bisogno di informazioni? Allora non esitare a contattarci per scoprire le soluzioni d’imballaggio più adatte alle tue esigenze e per ricevere consigli personalizzati sui materiali e le tecniche più idonee per proteggere i tuoi oggetti durante la spedizione.

Come imballare un pallet

In questo articolo noi di Fada vogliamo parlarti ancora di imballaggi, ma stavolta andremo a vedere come imballare un pallet; quindi se vuoi saperne di più, il nostro consiglio è sempre quello di rimanere con noi!

Vuoi sapere come imballare un pallet velocemente e in modo efficace? Noi di Fada siamo qui per questo, ma soprattutto per darti qualche consiglio. Vediamo quindi assieme qualche consiglio utile.

Innanzitutto è importante considerare i materiali da utilizzare e il posizionamento della merce: è meglio preferire infatti scatole a doppia o tripla onda, perché più pesanti e maggiormente resistenti agli urti; può essere utile anche posizionare dei fogli di cartone ondulato sul fondo e tra le scatole per proteggerle dall’umidità.

Se il pallet presenta prodotti con scatole di dimensioni differenti è fondamentale alternarle per realizzare una composizione cubica, perché più sicura e più semplice da imballare. Per compattare le scatole del bancale si usa il film estensibile applicato manualmente oppure tramite l’utilizzo di macchine fasciapallet o avvolgipallet, che permettono di rendere più veloce e precisa la stesura, riducendo sforzi e tempo impiegato e aumentando la produttività.

Andiamo a vedere come imballare un pallet velocemente ed in modo efficace

  • Il materiale e il posizionamento: innanzitutto è importante considerare i materiali da utilizzare ed il posizionamento della merce;
  • Le scatole: è meglio preferire scatole a doppia o a tripla onda, perché più pesanti e maggiormente resistenti agli urti; inoltre può essere utile anche posizionare dei fogli di cartone ondulato sul fondo e tra le scatole, per proteggere dall’umidità;
  • Composizione cubica: se il pallet presenta prodotti con scatole di dimensioni differenti, è fondamentale alternarle per realizzare una composizione cubica, perché più sicura e più semplice da imballare;
  • Film estensibile: per compattare le scatole del bancale si usa il film estensibile applicato manualmente oppure tramite l’utilizzo di macchine avvolgipallet, che permettono di rendere più veloce e precisa la stesura, riducendo sforzi e tempo impiegato e aumentando la produttività.

Hai bisogno di informazioni? Allora non esitare a contattarci per scoprire le soluzioni d’imballaggio più adatte alle tue esigenze e per ricevere consigli personalizzati sui materiali e le tecniche più idonee per proteggere i tuoi oggetti durante la spedizione.

Come imballare un oggetto fragile

In questo articolo noi di Fada vogliamo parlarti ancora di imballaggi, ma stavolta ci soffermeremo su quelli destinati a prodotti delicati e, nello specifico, andremo a vedere come imballare un prodotto fragile; quindi il nostro consiglio è sempre quello di rimanere con noi!

Oggetti fragili? Noi di Fada abbiamo l’imballaggio giusto per te

Ebbene si: spedire oggetti fragili può essere complicato, ma con i materiali d’imballaggio adatti puoi garantire la massima sicurezza dei tuoi articoli durante il trasporto.

La prima cosa che è bene ricordare è che ogni oggetto ha esigenze specifiche e non è detto che lo stesso materiale da imballaggio vada bene per prodotti diversi; una bottiglia, per esempio, avrà delle esigenze di imballo differenti rispetto a un prodotto elettronico: per questo prestare la massima attenzione ai dettagli è fondamentale per prevenire danni durante il trasporto.

Ma quali sono i materiali ideali per imballare gli oggetti fragili?

Vediamo alcune tipologie

  • Politelene espanso: per la sua sofficità, leggerezza e resistenza, si presta a soddisfare tutte le esigenze d’imballo. Inoltre è ottimo contro l’umidità e gli sbalzi di temperatura;
  • Pluriball: il più utilizzato ed il più economico per imballare prodotti; può essere di varie tipologie, ovvero: a busta, a fogli, rigenerato al 100%;
  • Profili anti urto: studiati per proteggere i bordi; si montano facilmente e si reggono da soli, e si dimostrano essere ideali per ripiani, tops, tavoli, marmi e molto altro ancora;
  • Cuscini d’aria: riempiono i vuoti e sostengono i prodotti nelle scatole; inoltre, possono essere prodotti direttamente nella propria azienda;
  • Patatine espanse: si tratta di un materiale da riempimento e protezione, leggero ed economico, che garantisce un alto coefficiente di attutimento;
  • Polistirolo: se a lastra può essere inserito come strato intermediario, se invece con profili angolari o sagomati, può proteggere singoli pezzi particolarmente delicati.

Scegliere il giusto materiale da imballaggio non è comunque semplice, perché bisogna considerare molti fattori (tipologia di prodotto, presenza di spigoli o vuoti da proteggere)

Detto questo, siamo pronti a rispondere alla domanda: “come imballare un oggetto fragile?”

La prima cosa da fare quando si decide di preparare un pacco, soprattutto nel caso debba contenere un oggetto fragile, è la scelta della giusta scatola. Per fornire la massima sicurezza alla tua merce, infatti, dovrai scegliere la giusta scatola di cartone. Nello specifico, nel caso di un oggetto leggero sarà meglio utilizzare una scatola leggermente più grande e imbottirla con materiale di protezione come pluriball o patatine in polistirolo. Nel caso di un oggetto più pesante, invece, meglio scegliere una scatola dalle dimensioni precise in modo da non dare possibilità al contenuto di muoversi troppo. Potrai dire di aver fatto un buon lavoro se riuscirai ad inserire materiale di protezione su ogni lato della tua merce e, provando a scuotere la scatola, non si verificheranno spostamenti consistenti all’interno della stessa.

Hai bisogno di informazioni? Allora non esitare a contattarci per scoprire le soluzioni d’imballaggio più adatte alle tue esigenze e per ricevere consigli personalizzati sui materiali e le tecniche più idonee per proteggere i tuoi oggetti durante la spedizione.

PARTICOLARE 4 CAPPUCCI TERMORETRAIBILE FOGLI

Quanti tipi di imballaggi industriali esistono

In questo articolo vogliamo parlarti di imballaggi e nello specifico vogliamo soffermarci su quelli industriali, ma non solo. Noi di Fada sappiamo bene che quando si è alla ricerca di opzioni di imballaggio per i propri prodotti, ci si trova di fronte a diverse tipologie di imballo che possono essere più o meno adatte alle necessità dell’azienda.

Ed è per questo motivo che per risolvere ogni dubbio è meglio affidarsi a un partner con un’esperienza consolidata nel settore degli imballaggi industriali, come Fada che dal 1997 fornisce soluzioni personalizzate e si occupa anche della gestione delle urgenze e dei trasporti per diverse soluzioni di imballo, dai films estensibili ai nastri adesivi.

Ecco le varie tipologie di imballaggio

La prima cosa da dire è che quando si parla di imballaggio industriale si fa riferimento all’imballo di prodotti industriali con lo scopo di proteggerli durante il trasporto, trasportarli e stoccarli.

Fatta questa premessa, è bene dire che quando si parla di imballaggio industriale, in maniera generica, è possibile distinguere tre tipologie di imballo:

  • Primario;
  • Secondario;

Vediamoli in dettaglio.

L’imballaggio primario ha il compito di racchiudere e proteggere il prodotto pronto al consumo, come ad esempio lattine, sacchi, bottiglie ecc, e ha come scopo quello di:

  • Assegnare una posizione stabile nel punto di vendita;
  • Proteggere e isolare il prodotto utilizzando la minore quantità di materiale possibile;
  • Attrarre la curiosità del consumatore attraverso la promozione del brand;
  • Identificare il prodotto, in relazione delle normative vigenti, nonché illustrare delle informazioni relative all’utilizzo del prodotto e anche altri dati essenziali, quali i valori nutrizionali di un prodotto, la grandezza di un prodotto, il peso e la scadenza (nel caso di generi alimentari).

In poche parole, l’imballaggio primario rappresenta l’unità di vendita indirizzata all’ utente finale.

L’imballaggio secondario, invece, viene considerato come un insieme di imballaggi primari. Questo tipo di imballaggio infatti, protegge il prodotto e ne favorisce la commercializzazione, ed è studiato in modo da organizzare, nel punto vendita, il raggruppamento di un certo numero di unità indipendentemente dal fatto che sia destinato alla vendita al consumatore oppure che serva soltanto a favorire il rifornimento degli scaffali del punto vendita.

La sua caratteristica principale è che può essere rimosso dal prodotto senza perturbare le peculiarità del prodotto, ed ha lo scopo di:

  • Salvaguardare e racchiudere una quantità specifica di prodotti;
  • Attrarre la curiosità dei clienti, nel caso di imballaggi secondari indirizzati direttamente alla vendita al pubblico;
  • Consentire l’accatastamento e pallettizzazione delle merci.

L’imballaggio terziario è un imballaggio studiato in modo da agevolare lo spostamento e di un determinato numero di unità di vendita per scongiurare i danni collegati e che spesso derivano dal trasporto merci, ecco perché questo tipo di imballaggio è visibile all’interno dei magazzini e raramente i consumatori vedranno questo tipo di imballaggio. Inoltre, esso è studiato per l’impiego all’interno della catena di distribuzione e quindi, come già detto, raramente arriva al consumatore finale. Questo tipo di imballaggio quindi ha lo scopo di:

  • Assicurare l’equilibrio necessario per la compattazione dei carichi;
  • Sostenere al massimo sfruttamento della capacità di stoccaggio;
  • Agevolare la movimentazione delle merci attraverso veicoli industriali;
  • Tutelare la sicurezza nello spostamento dei carichi in quanto imballaggio fabbricato con materiali resistenti;
  • Promuovere il brand.

Quindi alla domanda “perché l’imballaggio industriale deve essere di qualità” noi di Fada rispondiamo che deve essere di ottima qualità perché da esso dipende la protezione delle merci e il mantenimento in buone condizioni delle merci., e di conseguenza, è proprio dalla qualità dei nostri imballaggi dipende la salvaguardia dei prodotti dei nostri clienti.

RINFORZATO 2

Nastri adesivi semplici e rinforzati

Nastro adesivo semplice o rinforzato? No, non è uno scioglilingua, né un nuovo dubbio amletico! Semplicemente, queste due tipologie di nastro adesivo hanno caratteristiche diverse tra loto. Vediamo insieme quali!

Nastro adesivo semplice

Il nastro adesivo è costituito da un adesivo sensibile alla pressione rivestito su un materiale di supporto come carta, pellicola di plastica o tessuto.

Chi non conosce il nastro adesivo, o meglio il nostro buon vecchio amico scotch, un fedele compagno forse sin dai primi anni della nostra vita quando lo usavamo per attaccare tutto quello che avevamo a portata di mano, facendo impazzire le proprie madri.

Oltre a questo attacco di nostalgia, il nastro adesivo è un ottimo alleato nella vita di tutti i giorni sia per fini lavorativi che per soluzioni fai da te a casa.

Lo scotch può essere usato per sigillare e rinforzare le scatole da spedire, per chiudere gli altri imballaggi, qualunque essi siano, dal Pluriball alla carta da pacchi. Inoltre, può essere utilizzato per riparazioni o per protezioni, o addirittura per muratori e imbianchini.

La gamma di nastri adesivi disponibile in commercio è veramente ampia e spaziano dal nastro adesivo in carta al Nastro adesivo in polipropilene (PPL), da quello in PVC a quelli isolanti, da quelli biadesivi ad i nastri adesivi telati, da quelli standard a quelli personalizzati.

Nastro adesivo rinforzato

I nastri adesivi rinforzati con trama bidirezionale sono realizzati con speciali trame di fibre di vetro.

Il nastro adesivo rinforzato bidirezionale è particolarmente indicato per la chiusura di imballaggi pesanti, imballaggi realizzati in 2 o 3 onde, per l’eventuale fissaggio di carichi o per qualsiasi altro scopo dopo è richiesta un’ottima resistenza.

Grazie alle fibre di vetro intrecciate resistono molto di più rispetto ad un normale nastro adesivo, non si lacerano.

Questi nastri rinforzati garantiscono un’alta adesione al cartone grazie all’adesivo Hot Melt, ottima resistenza alle sollecitazioni meccaniche e massima resistenza all’invecchiamento ed ai raggi UV.

I nastri adesivi rinforzati garantiscono una chiusura affidabile e duratura di scatole pesanti (maggiori di 40kg), a onda doppia o tripla. Sono inoltre particolarmente resistenti a condizioni di stoccaggio, movimentazione e trasporto difficili.

Il nastro rinforzato bidirezionale è sempre in polipropilene accoppiato a fibre di vetro, in questo caso sia in senso longitudinale che in senso trasversale. Si tratta di un nastro adesivo impiegato per imballi che richiedono una elevata resistenza alla trazione in entrambi i sensi. Ha le stesse caratteristiche del nastro adesivo rinforzato monodirezionale, adatto per i carichi pesanti e non si lacera, tuttavia presenta una doppia rinforzatura.

Adesso, dopo la lettura del nostro articolo, siamo certi che farai la scelta giusta e trovare il nastro adesivo che si adatta alle tue esigenze!

Compila il form sul nostro sito internet con i tuoi dati e ti contatteremo il prima possibile.

 

 

Imballaggi ecosostenibili: cosa sono

E tu, hai sentito parlare di packaging ecosostenibile? Ebbene si, quando parliamo di packaging ecosostenibile, pensiamo subito ad una confezione realizzata con materiali rinnovabili, naturali o riciclati che possono essere riutilizzati più volte, progettati e prodotti con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale, secondo una logica opposta al semplice modello “usa e getta” del packaging tradizionale.

Nel mondo del packaging, la sostenibilità rappresenta un tema centrale: ogni step, sin dalla fase di progettazione, deve tenere conto dell’impatto ambientale, e una particolare attenzione merita la scelta dei materiali impiegati.

Ecco che in tal senso, le aziende del packaging stanno vivendo un momento di forte evoluzione, da un lato sotto la pressione delle normative europee, che impongono ambiziosi obiettivi di riciclabilità degli imballaggi, e dall’altro da parte dei consumatori, che ricercano sempre più prodotti “green” e a basso impatto ambientale.

Packaging e impatto ambientale

Oggigiorno l’attenzione verso l’impatto dei modelli di consumo sulla società e sull’ambiente è molto alta: secondo un recente sondaggio di Packaging World, che ha preso in esame un campione di circa 2000 consumatori, il 79% preferisce acquistare prodotti con packaging sostenibile rispetto a confezioni composte da materiali meno eco-friendly.

Ecodesign del packaging: eco friendly ed ecostenibile

Quello del design sostenibile (eco-design) è un settore in piena evoluzione che va incontro all’innovazione percorrendo binari precisi: quelli della riduzione degli sprechi, del controllo dei consumi energetici e delle emissioni, del riciclo e del riuso.

In questo percorso, le aziende ricercano le migliori soluzioni da adottare per raggiungere gli obiettivi attesi in termini di risparmio di risorse e di risultati di raccolta e riciclabilità dei materiali:

  • Riciclabilità;
  • Minor uso di materia prima;
  • Utilizzo di materie prime rinnovabili;
  • Compostabilità;
  • Semplificazione del sistema imballo;
  • Facilità di separazione dei materiali di imballaggio;
  • Riutilizzo

 

Carta, bioplastiche e materiali eco friendly: l’innovazione per l’ecodesign

L’innovazione del packaging rappresenta la sfida principale per l’industria alimentare e punta a identificare soluzioni innovative in grado di raggiungere le elevate performance della plastica in termini di conservazione dei prodotti, che siano idonee al contatto con gli alimenti e che garantiscano un ridotto impatto ambientale. Un aspetto centrale nell’eco-design riguarda i materiali impiegati, che devono infatti essere biodegradabili, riutilizzabili, riciclabili e non tossici. Il loro impatto sull’ambiente, inoltre, deve essere il più contenuto possibile, lungo l’intero ciclo di vita.

Nuovi materiali ecofriendly

Tra i materiali più frequentemente utilizzati per il packaging alimentare (eco)sostenibile, in alternativa alla plastica tradizionale, troviamo:

  • Carta e cartone;
  • Polpa di cellulosa;
  • Bioplastiche compostabili;
  • Mater-Bi;
  • PLA (acido polilattico);
  • Cellophane;

Hai bisogno del nostro supporto? Compila il form sul nostro sito internet con i tuoi dati e ti contatteremo il prima possibile.

cuscini gonfiabili

Prove d’urto o serraggio

Sappiamo bene che al momento di spedire, sia che si tratti di cose personali, sia che si tratti di veri e propri prodotti aziendali, c’è sempre il timore di incorrere in danni derivanti dal trasporto. Ed ecco che, avendo a cuore i nostri clienti ed i nostri prodotti, noi di FADA lavoriamo costantemente per migliorare l’imballaggio e ridurre sempre di più le rotture.

La fase dell’imballaggio è la più delicata della filiera, perché prepara la merce nel modo migliore ed “a prova di urto” per il trasporto e la consegna al cliente finale.

Imballaggio giusto? Ecco perché fa la differenza

Noi di FADA grazie alla nostra esperienza pluri annuale, abbiamo imparato che imballare bene i prodotti è fondamentale per consegnarli integri, soddisfare i clienti e limitare i danni da trasporto.

Abbiamo negli anni, analizzato quali erano le cause dei danneggiamenti subiti durante il trasporto ed abbiamo sviluppato un imballaggio resistente in grado di dare al prodotto la giusta protezione rafforzando i punti più deboli.

L’importanza della simulazione delle fasi di trasporto

Sappiamo che quando un prodotto finito è pronto per essere “messo sul mercato”; l’azienda produttrice deve assicurarsi che l’imballo, compatibilmente con le modalità per la distribuzione, permetta al bene di giungere a destinazione con il massimo livello di integrità, affidabilità e sicurezza.

L’imballaggio è un elemento fondamentale: la sua funzione infatti, nonostante spesso sia sottovalutata, è quella di creare una protezione tra il prodotto e l’ambiente esterno, cioè tutti quegli eventi che si verificano durante tutto il suo ciclo di distribuzione.

Quindi, la cosa più semplice da fare per avere informazioni circa le prestazioni di un imballaggio durante il trasporto è effettuare prove di packaging in accordo con i più comuni standard di riferimento (ISTA, ASTM, ISO, MIL-STD).

Quindi, il prodotto imballato viene sottoposto ad una serie di prove mirate a simulare le sollecitazioni statiche e dinamiche alle quali è potenzialmente sottoposto durante il ciclo di trasporto: cadute durante la movimentazione, vibrazioni causate dal trasporto ed i carichi a cui è sottoposto durante l’immagazzinamento e via discorrendo.

Le prove d’urto quindi, si svolgono in un apposito laboratorio completamente attrezzato e con personale qualificato per questo tipo di prove. Le attività si svolgono seguendo da vicino l’azienda per identificare le sue specifiche esigenze. Queste caratteristiche sono dettate da numerosi fattori, quali: la robustezza del prodotto, le sollecitazioni che si presenteranno nel trasporto, la tipologia di movimentazione utilizzata, lo spazio disponibile in linea e in magazzino, il valore intrinseco del prodotto, il quantitativo annuo di produzione e così via.

Hai bisogno del nostro supporto? Compila il form sul nostro sito internet con i tuoi dati e ti contatteremo il prima possibile.

 

nastro rinforzato

Come utilizzare il nastro adesivo nel modo corretto: te lo spiega Fada Imballaggi

Tutti noi conosciamo il nastro adesivo, che come ben sappiamo, è entrato nella nostra quotidianità. Ma ti sei mai chiesto qual è il modo corretto per utilizzarlo? Se la risposta è no, allora continua a leggere!

Indubbiamente lo scotch, in tutte le sue forme, è qualcosa di presente in tutte le nostre vite: lo abbiamo usato decine se non centinaia di volte per le più differenti esigenze: per attaccare i nostri disegni sulle pareti di casa, per incartare i regali, per chiudere dei pacchi prima di spedirli, per dare delle riparazioni di fortuna, per dipingere senza sbavare e via dicendo.

Ma ti sei mai chiesto quali sono le sue origini? Iniziamo da qui

Oggi diamo per scontato il nastro adesivo, anzi, ci sembrerebbe strano non avere un rotolo in casa al momento del bisogno. Ma di certo non è sempre stata così. Da millenni esistevano delle colle, ma per avere dei nastri adesivi, dobbiamo aspettare il Novecento.

Il nastro adesivo nasce nel 1935, in quell’azienda che sarebbe diventa la 3M, che al tempo produceva carta abrasiva. L’idea fu quella di realizzare dei nastri con un lato adesivo, facili da attaccare, per permettere a chi doveva verniciare degli oggetti di avere dei margini da mettere e togliere in fretta. La storia del nastro adesivo è lunga meno di un secolo, ma in questi decenni, sono stati inventati tanti tipi differenti di nastro.

Nastro adesivo: tipologie ed utilizzi

Per usare il nastro adesivo in maniera corretta è necessario sapere quale tipologia acquistare, in base alle proprie esigenze.

In linea di massima, per capire come funziona il biadesivo industriale è bene sapere che è composto principalmente da due parti: sopra c’è il supporto, che dona resistenza al nastro, e che è tendenzialmente ricoperto da una finitura che permette alla striscia di essere arrotolata senza appiccicarsi irrimediabilmente; sotto c’è l’adesivo vero e proprio, che può essere più o meno potente.

In base ai materiali utilizzati per le due parti, abbiamo tipologie di nastro adesivo diverse, come per esempio il nastro di carta, usato soprattutto per i lavori di mascheratura, essendo economico, facile da usare e facile da rimuovere senza lasciare traccia, o ancora il nastro adesivo isolante, ovvero quel particolare tipo di scotch che viene utilizzato dagli elettricisti per isolare per l’appunto i fili elettrici. Ancora a seguire abbiamo il nastro adesivo per tappeti e per moquette, pensato per posizionare questi strati di tessuto in modo stabile ed anche il nastro telato americano, il nastro biadesivo e così via. Ci sono nastri in carta, per l’appunto, ma anche in tela, in PPL, in PVC, in gomma, con fibra di vetro… non c’è che l’imbarazzo della scelta!

Prima di usare il nastro adesivo è necessario pensare a cosa si desidera fare: per chiudere un pacco pesante sarà necessario usare un nastro biadesivo forte, laddove invece per appendere un foglio di carta alla parete basterà semplicemente dello scotch debole, come lo si può trovare in cartoleria.

É poi necessario pensare alla superficie su cui l’adesivo verrà applicato. Sulle superfici lisce, in linea di massima, non ci saranno problemi, laddove invece sulle superficie ruvide il nastro adesivo avrà minore area di contatto, e quindi meno potenza.

A ridurre la tenuta di un nastro adesivo è poi l’eventuale sporcizia di una superficie, con polvere e grasso che compromettono inevitabilmente la tenuta del nastro.

Adesso, dopo la lettura del nostro articolo, siamo certi che farai la scelta giusta e troverai il nastro adesivo che più si adatta alle tue esigenze! Contattaci e naviga il nostro sito. Saremo a tua disposizione.

IMBALLAGGIO ANTI URTO

Qualità dei materiali a prezzi competitivi

Ti sei mai fermato a pensare quanto sia importante l’imballaggio nelle tue spedizioni? Forse no, e se non lo hai fatto, noi di FADA ti invitiamo a farlo con questo articolo.

Scegliere gli imballaggi attentamente non è un piccolo particolare; questo perchè una scelta sbagliata può influenzare negativamente l’andamento aziendale della tua attività, generando così una perdita di tempo e denaro, nonché in una riduzione di credibilità agli occhi dei clienti.

L’imballaggio del pacco è la prima cosa che nota il cliente quando lo riceve, e siamo certi che, se resta visivamente colpito, gli rimarrà impresso il tuo modo di lavorare e presentare la merce.

Imballaggio perfetto: esiste davvero?

Un imballaggio perfetto viene realizzato con materiali di qualità; non è un particolare su cui possiamo permetterci di sbagliare, anzi, al contrario si tratta di un punto di partenza importante. Un imballaggio perfetto infatti deve assicurare resistenza, durabilità ed elevati livelli di sicurezza sia per la merce che per il cliente.

I packaging più moderni sono in grado di proteggere il contenuto durante i vari spostamenti, inoltre, si possono realizzare imballaggi con caratteristiche particolari per soddisfare le diverse esigenze di trasporto.

Per ottenere degli imballaggi di una certa qualità è importante usare dei materiali resistenti, dei macchinari qualitativi e delle modalità di produzione superiori. Ogni imballaggio va realizzato ascoltando i bisogni del cliente, solo dopo aver captato ogni esigenza e richiesta, si passa alla fase di progettazione, al controllo della qualità e ai vari collaudi.

Scegliere i giusti imballaggi? Ecco perché è importante

Chi trascura questo aspetto commette un grave errore, secondo alcune statistiche, le spedizioni dei prodotti aumentano notevolmente ogni giorno grazie al commercio online, per questo motivo è fondamentale scegliere gli imballaggi giusti.

Oltre alla scelta dei materiali si deve pensare anche alla sua personalizzazione, magari usando del nastro adesivo da imballaggio personalizzato, che evidenzia il logo o il nome dell’azienda.

L’aumento della domanda rende necessario un lavoro maggiore e un’attenzione superiore sulla qualità degli imballaggi, i prodotti devono arrivare a destinazione con un packaging integro, ben realizzato e non danneggiato.

Un imballaggio di qualità permette di fare una buona impressione sul cliente e fidelizzarlo, risparmiare tempo e denaro, evitando la rottura del pacco e il danneggiamento della merce; migliore protezione della merce, facilitazione del movimento logistico dei prodotti.

Questo discorso non vale solo per le grandi aziende che devono gestire ogni giorno centinaia di spedizione, ma anche per chi ha una piccola attività con spedizione online.

In particolare, chi ha un piccolo e-commerce deve puntare molto sul packaging e sulla personalizzazione dello stesso, in questo modo sarà più semplice e veloce fidelizzare i clienti e aumentare le vendite.

La qualità deve essere l’elemento fondamentale di qualsiasi cosa riguardi la tua attività, imballaggi compresi.

FADA: la nostra mission

Noi di FADA abbiamo raggiunto un grande obiettivo: realizzare prodotti di alta qualità a prezzi competitivi sul mercato globale. Facciamo unicamente leva sulla nostra forza creativa e produttiva, acquistando solo materiale della migliore qualità per garantirti un prodotto davvero ottimale.

Il nostro segreto: qualità dei materiali a prezzi competitivi! Il tutto grazie agli accordi con fornitori di materie prime che decidiamo di scegliere. Soddisfiamo le esigenze del cliente con proposte e soluzioni personalizzate, puntiamo sulla professionalità del nostro personale, utilizziamo la tecnologia più avanzata: è questa la filosofia di fondo che ci guida, da sempre, nell’impegno quotidiano del nostro lavoro.

 

Contattaci e saremo al tuo servizio per ogni esigenza!